Biografilm Festival 2020

da
a
h .

Proiezione di film consigliati dall’associazione Orlando in collaborazione con il Biografilm! Dal 5 al 15 giugno, Biografilm Festival – International Celebration of Lives sarà online e sarà possibile prenotare un posto nella sala virtuale del festival, Biografilm Hera Theatre, accedendo al sito www.mymovies.it e creando un account.

Domenica 7 giugno ore 17:00
Ecstasy (Êxtase)
di Moara Passoni (Stati Uniti, Brasile, 2020, 72′), anteprima italiana.

Brasile, anni Novanta, un panorama politico caotico. Clara è tormentata dall’ansia e trova conforto affamando il proprio corpo. Fa del digiuno un’esperienza di piacere e sofferenza estrema. In questa docufiction sperimentale basata sui veri diari segreti di donne che soffrono di anoressia, la malattia diventa per la protagonista un modo per affrontare l’età adulta e per trovare il suo posto in un mondo incerto, brutale, surreale.

LUNEDI 8 GIUGNO ore 17:00
Fat Front
di Louise Unmack Kjeldsen e Louise Detlefsen (Danimarca, 2019, 87′), anteprima italiana
Quattro giovani donne scandinave non tollerano più l’odio e le critiche sul proprio corpo. Sono finalmente orgogliose di essere grasse. Esigono il rispetto e l’accettazione da parte di una società ossessionata dalla dieta e in cui è difficile sentirsi accettate. Per troppo tempo hanno vissuto una vita in sospeso. Hanno aspettato di essere magre per potersi comprare un vestito, per andare a ballare e per trovare l’amore. Poi, finalmente, hanno trovato sé stesse e il movimento del body positivity. Sono pronte a entrare in azione muovendo i morbidi fianchi e usando il corpo come un’arma ideologica. Femminista e provocatorio, questo film cambierà il modo in cui vediamo il nostro corpo. Un film sui pregiudizi e sulla ribellione, un viaggio divertente e toccante di un gruppo di giovani donne piene di energia.

MARTEDI 9 giugno ore 19:00
The Earth is Blue as an Orange (Zemlia blakytna niby apel’syn)
di Iryna Tsilyk (Ucraina, Lituania, 2020, 74′), anteprima italiana
Premiato al Sundance Film Festival 2020 per la miglior regia nella categoria World Cinema Documentary. Anna, madre single, insieme ai suoi quattro figli, vive al confine della zona di guerra di Donbas, in Ucraina. Nonostante il mondo esteriore sia pieno di bombardamenti e di caos, la loro casa resta un rifugio sicuro, pieno di gioia e di vitalità. La passione di tutti i membri della famiglia per il cinema, li spinge a filmare alcune scene della propria vita quotidiana durante il periodo di guerra. Per Anna e i suoi bambini, la conversione del trauma in arte è il modo migliore per rimanere umani.

MARTEDI 9 giugno ore 21:00
A Marble on a Dell (La pallina sulla conca)
di Francesca Iandiorio (Italia, 2020, 60′), anteprima mondiale
Francesca sta vivendo una fase particolarmente critica della sua vita, il suo rapporto complicato con il cibo e una percezione distorta del proprio corpo alimentano le sue insicurezze e le sue paure. Per affrontare un momento così difficile decide di filmarsi e raccontarsi in un film autobiografico. Inizia così un complicato viaggio alla scoperta di sé stessa e del mondo che la circonda, che la porterà per la prima volta ad avvicinarsi e a conoscere il lato bambino della madre, e a confrontarsi in un nuovo modo con Dario, il fidanzato illustratore, che spesso usa i suoi disegni per aiutarla a superare le sue difficoltà.

VENERDÌ 12 giugno ore 14:00
Margaret Atwood: A Word after a Word after a Word is Power
di Peter Raymont e Nancy Lang (Canada, 2019, 92′), anteprima italiana
Poeta e scrittrice, il nome di Margaret Atwood è ormai conosciuto. Eppure, sono pochi quelli che davvero conoscono la vera Margaret. Chi è la donna, chi è la scrittrice che si cela dietro queste storie? I registi seguono da vicino Atwood e il suo compagno Graeme Gibson, nella corsa per andare da un capo all’altro del mondo per tenere una conferenza, tra una visita sul set di ‘Il racconto dell’ancella’ e una vacanza in famiglia. Il film esplora i retroscena della vita e della storia di Margaret, i primi tempi trascorsi nella natura canadese a scrivere poesie. Ripercorsi anche i suoi romanzi, incluso ‘I testamenti’, sequel tanto atteso di ‘Il racconto dell’ancella’. Storie personali e private vengono raccontate da familiari, amici, ed infine, dalla stessa Margaret.